La barenatura è una lavorazione meccanica che prevede l’asportazione di truciolo rimuovendo il materiale per rendere il diametro maggiore e ottenere maggiore finitura della rugosità e della tolleranza.

Avviene attraverso il moto rotatorio del bareno o testa d’Andrea, nel frattempo il pezzo in lavorazione rimane fermo.

Le teste della barenatura possono essere:

a un tagliente, solitamente utilizzata per la finitura o la sgrossatura, in particolar modo per quei materiali dove è più difficoltoso controllare il truciolo, una soluzione utile quando la potenza della macchina è ridotta;

a più taglienti, prevede la presenza di due o tre taglienti, utilizzata per la finitura di materiali con un truciolo di volume notevole; la velocità d’azione è favorita dall’aumento delle lame, in questo modo si ottengono lavorazioni più rapide;

a gradini, utilizzata per la sgrossatura con bareno composto con inserti posizionati a diversi diametri e altezze assiali; in questo modo si ottiene un maggiore controllo dei trucioli.

La barenatura è sostanzialmente una finitura leggera, che prevede una leggera asportazione del materiale e il foro da lavorare deve avere una tolleranza della misura molto limitata e avvicinarsi il più possibile alla dimensione richiesta.

Questa lavorazione è adatta per la lavorazione di cilindri, sedi di cuscinetto e oggetti che richiedono una precisione particolare.